Gelmini: "Con Berlusconi alla conquista dell'Altra Italia"

webinfo@adnkronos.com

"Berlusconi anche ieri, nella sua intervista al Corriere, ci ha indicato una strada. È la nostra strada, il nostro percorso. Quello di una forza che deve tornare a essere il motore propulsivo di un centrodestra plurale, che non si può esaurire con il sovranismo ed il populismo, ma che porta nel confronto politico l’eredità delle migliori tradizioni politiche italiane ed europee, quelle che hanno fatto grande questo Paese, e allo stesso tempo innova profondamente la politica e le istituzioni, rivolgendosi a quell’Italia che studia, lavora, produce e non si siede, aspettando lo Stato. L’Italia del merito e della competenza, ma anche della sussidiarietà e dell’attenzione a chi è rimasto indietro. È il nostro campo di gioco, il campo dell’Altra Italia, alla quale dobbiamo rivolgerci, senza rinchiuderci in noi stessi e in polemiche sterili, rialzando la testa e guardando al futuro". Così Mariastella Gelmini, presidente dei deputati di Forza Italia, intervenendo alla manifestazione del movimento azzurro a Viterbo. 

E su Italia Viva, il movimento fondato dall'ex segretario dem Matteo Renzi, Gelmini non usa mezzi termini: "Dobbiamo schiacciare Renzi nella sua metà campo. Sarà una sinistra diversa da quella del Pd, ma sempre di sinistra si tratta. Non c’è il centrodestra in Italia viva. C’è una operazione politicamente legittima ma che non ha niente a che vedere con la nostra metà campo".