Gelmini: dl scuola un disastro, fallimento di tutto il governo

Fdv

Roma, 7 giu. (askanews) - "Consigli alla Azzolina? un po' tardi per i consigli... oramai il disastro stato fatto. Ma sarebbe sbagliato prendersela solo con lei. Questo fallimento sulle spalle di tutto l'esecutivo. La ministra avrebbe potuto almeno cercare la collaborazione del Parlamento, che invece anche in questo caso stato ignorato". Cos Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un'intervista a "Il Giornale".

"Le pare normale che il decreto scuola per l'ordinata (si fa per dire) chiusura dell'anno scolastico sia stato convertito solo ieri? Per settimane stato bloccato al Senato sull'unico problema di cui ha discusso la maggioranza: la questione del concorso. Ma la scuola non un ammortizzatore sociale, un incubatore di futuro per le nuove generazioni. Di questo passo e con questo governo ci troveremo a votare a novembre prossimo un decreto sulla ripresa dell'anno scolastico". Sulla riapertura delle scuole "in Italia si gettata la spugna troppo presto e lo si fatto a mezzo stampa vanificando, in parte, l'effettivit delle lezioni a distanza: abbiamo riaperto i locali della movida, ma non le scuole. un elemento su cui dovremmo riflettere. La scuola riguarda 8 milioni di giovani italiani e oltre un milione di dipendenti pubblici. questione di importanza strategica che Conte e i partiti di maggioranza hanno ignorato, abbandonando fra l'altro le paritarie al loro destino. Sono segnali drammatici: i ragazzi sono tornati a fare sport ma non sui banchi di scuola". In vista di settembre, "gli ingressi scaglionati, in strutture che non hanno caratteristiche idonee a gestire in sicurezza l'afflusso contemporaneo di tanti studenti, non sono un dramma, anche se complicano la vita alle famiglie. Il plexiglas invece un brutto incubo, ma voglio sperare che sia stata solo una battuta". Che voto d alla Azzolina come ministro? "Per una questione di stile preferisco non risponderle. Ci sono tanti ministri in questo governo che fanno un mestiere che non il loro. In questi anni si distrutto il valore delle competenze, dell'esperienza e questi purtroppo sono i risultati".