Gelmini (Fi): voto su Rousseau insulto a Parlamento e Costituzione

Pol/Vlm

Roma, 2 set. (askanews) - "Pensavamo di averle viste tutte, ma ci sbagliavamo. Le sorti di un eventuale nuovo governo, prima di essere appese, come è previsto dalla Costituzione, alla fiducia dei due rami del Parlamento, sono legate alla consultazione degli iscritti ad una piattaforma informatica gestita da una società privata, in assenza di qualsivoglia controllo". Così, in una nota, la presidente del gruppo Forza Italia alla Camera, Mariastella Gelmini.

"Piattaforma peraltro - aggiunge - finanziata dai soldi (pubblici) di deputati e senatori della Repubblica. È un insulto alle istituzioni, alla Costituzione e, soprattutto, all'intelligenza degli italiani, ma è anche il segno dello scadimento della vita politica dal momento che a questa insulsa procedura si sottomettono anche il presidente del consiglio incaricato, il partito democratico e gli altri partitini della sinistra, che, in teoria, sarebbero i difensori della democrazia rappresentativa".