Gelmini: a rischio futuro Pernigotti, Patuanelli in Parlamento

Pol-Afe

Roma, 28 set. (askanews) - "Il ministro Di Maio è passato agli Esteri, ma i danni che ha lasciato al Mise continueremo a pagarli a lungo. Torna, infatti, in alto mare il salvataggio della Pernigotti. Dopo lo stop alla trattativa tra Emendatori e Pernigotti per l'acquisto del ramo gelati di qualche giorno fa ora, l'ennesima doccia fredda per le lavoratrici e i lavoratori: a pochi giorni dalla scadenza prevista per la firma dei contratti, che avrebbero dovuto rilanciare la produzione dello stabilimento di Novi Ligure, ieri sera è saltata la trattativa con i turchi della Toksoz, che hanno comunicato alla cooperativa Spes il recesso dal contratto preliminare per la cessione del comparto cioccolato-torrone. Ora il futuro dello storico marchio dolciario è di nuovo a rischio e con esso quello delle maestranze e delle loro famiglie, nonchè la valorizzazione del territorio novese. Ecco l'ennesimo brillante esito - dopo il caso Whirpool - delle trattative condotte dall'allora ministro dello Sviluppo economico. Nei mesi scorsi Di Maio non ha mai trovato il tempo per venire in Parlamento a riferire in aula sui tanti tavoli di crisi aperti al Mise. Ora per il neo Ministro Patuanelli non ci sono più scuse: venga a illustrarci le misure che intende adottare e quale sia la politica industriale 'di discontinuità' pensata dall'esecutivo in grado di chiudere i tavoli di crisi aperti e di rilanciare la crescita industriale del Paese". Così in una nota Mariastella Gelmini, presidente dei deputati di Forza Italia.