Gelmini: tasse e zero crescita, Confindustria critica il governo

Pol/Luc

Roma, 11 nov. (askanews) - "Una legge di bilancio 'insufficiente per la crescita', che 'manca di un disegno di politica economica', con la tassa sulle auto aziendali che rappresenta 'una stangata per 2 milioni di lavoratori', e una plastic tax che avrà 'un impatto sulla spesa delle famiglie stimabile in circa 109 euro annui'. Sullo sfondo la vicenda dell'ex Ilva che dimostra 'l'incapacità di dare alle imprese regole certe e chiare'. Confindustria, in Parlamento per un'audizione sulla manovra, critica aspramente il governo. L'esecutivo guidato da Conte conferma la sua propensione anti-impresa, anti-industria, contro lo sviluppo, contro le famiglie, usate come bancomat dai giallorossi a Palazzo Chigi. Per gli industriali le nuove tasse peseranno sui consumi e sulle imprese come l'evitato (almeno sulla carta) aumento dell'Iva. Pd-M5S-Iv-Leu fanno il gioco delle tre carte con le tasche degli italiani". Lo afferma in una nota Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera.