Gelmini: un luogo di Milano a memoria Craxi, glielo dobbiamo

Rea

Milano, 18 gen. (askanews) - "E' arrivato il momento - a vent'anni dalla sua morte - di rompere questo muro di silenzio e avviare una nuova stagione di riflessione sulla vita e sull'impegno di uno dei più grandi statisti che il nostro Paese abbia avuto: Bettino Craxi. Un'occasione preziosa per superare le ambiguità e le semplificazioni di questi anni e per colmare una lacuna politica. Lo dobbiamo alla figlia Stefania e a tutta la sua famiglia, che si è sempre prodigata nel mantenere vivo il ricordo di un uomo che ha dato tanto all'Italia e alla sua città". Lo scrive in una nota Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera e consigliere comunale a Milano.

"Non dimentichiamo infatti che Craxi è stato a Milano, nel 1960, prima consigliere comunale e poi assessore all'Economato al fianco del sindaco Cassinis. Nel 1968, poi, è stato eletto per la prima volta in Parlamento proprio nel collegio di Milano-Pavia. È doveroso proporre - come già fatto in passato dal gruppo consiliare di Forza Italia - un riconoscimento simbolico a Craxi, affinché venga dedicato alla sua memoria uno spazio di Milano (una piazza, una strada, un luogo riconoscibile). Di questo impegno chiediamo sia protagonista il Comune, per superare una volte per tutte atteggiamenti strumentali e chiusure ideologiche", conclude Gelmini.