Gemelle Giudicessa, nuovo colpo: "Furto di carte di credito"

·1 minuto per la lettura
Gemelle Giudicessa, nuovo colpo:
Gemelle Giudicessa, nuovo colpo: "Furto di carte di credito" (Photo by Ernesto Ruscio/Getty Images)

Ancora guai per Valentina e Alessandra Giudicessa, le gemelle cleptomani attrici in "Come un gatto in tangenziale", film che è da poco tornato in sala con il sequel "Ritorno a Coccia di morto". Le 42enni nei film di Riccardo Milani hanno interpretato due sorelle ossessionate dallo shopping e dal taccheggio, con una storia che prosegue poi nella vita reale.

I fatti contestati risalgono al 2017, due mesi prima dell'uscito del primo film che le ha rese celebri. Secondo la Procura, che ha chiesto il rinvio a giudizio, le due donne avrebbero rubato, utilizzato in modo indebito e falsificato carte di credito

GUARDA ANCHE - Cortellesi e Albanese: risate e rinascita per ritornare al cinema

I furti, secondo le ipotesi contestate, sarebbero avvenuti all'Eurospin di Roma in via dell'Acquafredda. Era il 21 ottobre e le due gemelle non si aspettavano che di lì a breve sarebbero diventate famose nel film Paola Cortellesi e Antonio Albanese.

Le gemelle avrebbero infilato la mano nella borsetta di un'anziana signora e si sarebbero impossessate del portafoglio. Poi si sarebbero allontanate qualche secondo per prendere la carta di credito e infine sarebbero tornate dalla donna per rimettere a posto il portafoglio privo della carta.

In meno di due ore avrebbero speso 1.316 euro in tre negozi tra cui gioiellerie e negozi cinesi.

Per fare chiarezza sull'accaduto, ora la decisione passa nelle mani del gup, nell'udienza preliminare prevista l'8 marzo.

GUARDA ANCHE - "Come un gatto in tangenziale 2", ad agosto il sequel al cinema

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli