Gemelli uccisi nel Lecchese, autopsia: "Strangolati a mani nude"

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Mario Bressi con i figli Elena e Diego (Facebook)
Mario Bressi con i figli Elena e Diego (Facebook)

Strozzata a mani nude. Lo rivelano i primi esiti dell'autopsia sul corpo di Elena, la 12enne uccisa con il gemello Diego dal padre Mario Bressi in un appartamento di Margno, in Valsassina, dove da qualche giorno i tre si trovavano in vacanza.

LEGGI ANCHE: Uccide gemelli e si suicida, avvocato della moglie svela retroscena sul rapporto di coppia

L'uomo, che dai primi accertamenti medico legali risulterebbe aver strangolato anche il figlio, dopo il duplice omicidio si è tolto la vita gettandosi dal Ponte della Vittoria, a Cremeno (Lecco).

Nel pomeriggio è stato effettuato l'esame autoptico solo sul corpo della bambina.

VIDEO - Crolla cornicione, tre vittime ad Albizzate

Il pm Andrea Figoni e il procuratore Antonio Chiappani hanno conferito l'incarico all'anatomopatologo Paolo Tricomi, coordinatore degli esami autoptici che andranno avanti anche domani con quelli di Diego e di Mario Bressi.

LEGGI ANCHE: "Sempre insieme", l'ultimo post prima di uccidere i figli

Riguardo ai due bambini gli accertamenti riguardano l'ossoide, per capire se si sia trattato di strangolamento o soffocamento. Inoltre si dovrà accertare se a distanza di tre giorni siano o meno comparsi segni di pressione sui corpi dei ragazzini per capire se sono stati immobilizzati.

Nel frattempo proseguono le indagini sui pc sequestrati a Bressi, per capire se si sia trattato di un gesto preordinato, ipotesi al momento non confermata. Investigatori e inquirenti dovrebbero passare in rassegna le mail in entrata e uscita dalle caselle di posta elettronica e anche cercare se nei suoi computer ci siano appunti che facciano pensare a un gesto premeditato.