Generali prezza Green Lion per protezione da catastrofi - Ifr

·1 minuto per la lettura
Il logo Generali a Milano

LONDRA (IFR) - Generali ha prezzato Lion III DAC venerdì scorso, un bond europeo sulle catastrofi a quattro anni da 200 milioni di euro che fornirà copertura contro le tempeste europee e i terremoti italiani.

Lo scrive Ifr, servizio di Refinitiv.

Già avvantaggiata dal fattore di rarità dell'offerta di rischio europeo in un mercato in cui le esposizioni degli investitori sono spesso orientate verso gli Stati Uniti, Generali ha introdotto anche alcune caratteristiche green nell'operazione.

La protezione offerta da Lion III libera 28,1 milioni di euro di capitale e Generali si è impegnata a destinarli a progetti 'green'. Utilizzerà inoltre i proventi per acquistare bond della Bers, in linea con il suo quadro di riferimento per i bond sostenibili dal punto di vista ambientale.

Gli investitori sui bond catastrofali Esg sono una nicchia all'interno di una nicchia che non si è ancora sviluppata.

Il pricing è partito da 4-4,5% prima della guidance 3,5-4%, per poi assestarsi sul limite basso di tale intervallo a 3,5%.

GC Securities è stato sole structuring agent e joint bookrunner dell'operazione con Barclays e Natixis. Barclays è stato anche sole green structuring adviser e Natixis sole green coordinator. L'operazione si concluderà venerdì.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli