A gennaio ci sarà un nuovo contratto di governo, annunciano Grillo e Di Maio

Beppe Grillo e Luigi Di Maio hanno convenuto sull'ipotesi di avanzare la proposta di un nuovo contratto di governo "a partire da Gennaio", per finalizzare "progetti ambiziosi e di alto livello", con lo scopo di intervenire su tematiche fondamentali del nostro Paese e non solo come il clima, salario minimo, il reddito universale, l'intelligenza artificiale, l'energia, le infrastrutture". E' quanto si legge in una nota congiunta diffusa al termine del loro incontro a Roma.

Dopo l'incontro, Grillo blinda Di Maio: "Lavora 25 ore al giorno e non può essere sostituito per nessuna ragione, anzi va sostenuto".  "Una persona deve poter decidere e fare scelte importanti. Un referente ci vuole", aggiunge Grillo. "Io ci sarò di più e darò una mano" a Di Maio, assicura poi Grillo nella nota congiunta con il capo politico del Movimento 5 stelle. 

E sul rapporto con la sinistra e il Pd: "Quando parlo di progetti insieme con la sinistra, parlo di progetti alti, bellissimi sui trasporti, su cosa è una città", dice in un video girato con Di Maio. "Noi magari facciamo da tramite tra una destra che arriva, un po' pericolosetta, e una sinistra che si deve formare anche lì". Cosi' Beppe Grillo, che poi invita a dare un voto al Movimento 5 stelle alle regionali emiliano-romagnole. 

"Siamo in un momento di caos, il caos è nella natura dell'uomo. E' nel caso che vengono fuori le belle idee. E' un procedimento che sta andando avanti di cambiamento", ha continuato Grillo in video: "Il discorso è che siamo in questo cambiamento e non possiamo essere gli stessi, è sbagliato essere gli stessi. Pensare a come eravamo. Io quando penso a come eravamo: eravamo una meraviglia. Un manager che organizzava, un pazzo sul palco", ricorda il fondatore e garante del M5s. A questo punto interviene Di Maio: "Non dobbiamo avere nostalgia del passato".

"E' sbagliato - gli fa eco Grillo - Io sono euforico. Straordinariamente euforico, c'è da riprogettare". "Non siamo più quelli che eravamo dieci anni fa, mettetevelo in testa. Ed è meraviglioso. Tutto tende al caos e all'entropia. Dal caos vengono idee meravigliose e ci saranno - ha garantito -. La costituzione di un nuovo ombelico dal vertice al territorio, la ricostituzione di una specie di meet up".