Genova difende gli immigrati: "Molti di loro fra gli angeli del fango"

Un fermo immagine tratto dal TG5 che piomba sui social dai profili di Forza Nuova. Da una parte un cittadino genovese impegnato a spalare il fango dalle strade, dall'altro, appoggiato allo stipite di un garage, un uomo di colore a braccia conserte. Appena apparsa in rete, questa foto e le parole che l'accompagnavano hanno fatto scoppiare una feroce polemica.

L'articolo continua dopo la foto


Ma poche ore dopo l'attacco di Forza Nuova, a difendere gli immigrati sono arrivati i cittadini. Sul sito di TgCom24 si può leggere la lettera di Valentina Martis, una cittadina genovese che lancia una lunga invettiva contro chi ha confezionato il servizio e poi strumentalizzato l'immagine per denigrare gli immigrati. Fra le tanti frasi dedicate all'episodio, una in particolare resta inequivocabile: "non esiste colore della pelle, davanti a questa tragedia siamo davvero tutti fratelli!".

E infatti, dopo poche ore, ecco arrivare sui social network i primi scatti di immigrati al lavoro per le strade della città devastata dall'alluvione.


A raccogliere testimonianze fotografiche di immigrati impegnati fianco a fianco con i cittadini genovesi, ci hanno pensato anche i 99 Posse.


Sulla loro pagina Facebook hanno pubblicato 5 scatti che mostrano uomini di colore al lavoro per il recupero di oggetti dal fango che ha ricoperto la città.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli