Genova, picchia la compagna perché lavora in pizzeria: arrestato

(Getty Images)

Un genovese di 23 anni con svariati precedenti è stato arrestato dalla Polizia di Stato per il reato di atti persecutori nei confronti della compagna.

Tutto è iniziato nel mese di giugno quando la ragazza 24enne, fidanzata da 4 anni, ha accettato un lavoro come cameriera in una pizzeria. A causa della morbosa gelosia il giovane ha iniziato a offenderla con parole pesanti ogni volta che rientrava a casa dopo il lavoro.

LEGGI ANCHE: Violenza sulle donne, il Codice rosso è legge

Nel mese di agosto l'epilogo. Non contento delle offese, l'uomo si è fisicamente scagliato contro la compagna colpendola con schiaffi e pugni tanto da costringerla prima a chiamare la Polizia poi a recarsi in ospedale dove i medici le hanno riscontrato varie fratture e traumi guaribili in 30 giorni.

In sede di denuncia, la vittima ha raccontato agli agenti di avere timore per la propria incolumità in quanto già in passato il fidanzato le aveva creato stati di ansia tanto da farle cambiare abitudini e stile di vita. Applicando il "Codice Rosso" gli uomini della sezione reati contro la persona della squadra mobile genovese hanno rintracciato il 23enne traendolo in arresto per stalking e lesioni aggravate.

VIDEO - Approvato il Codice Rosso contro la violenza sulle donne