Genovese: nuovo interrogatorio davanti ai pm per l’imprenditore

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 8 ott. (askanews) - Nuovo interrogatorio in procura per Alberto Genovese, l'imprenditore digitale accusato di due casi di violenza sessuale commessi tra il luglio e il novembre 2020 a Milano e Ibiza. Per il 43enne, accusato di violenza sessuale, sequestro di persona, lesioni e spaccio di droga, è il primo faccia a faccia davanti ai magistrati dopo la chiusura delle indagini avvenuta nei mesi scorsi. Genovese venne arrestato nel novembre 2020 e restò in carcere per 8 mesi: poi gli furono concessi gli arresti domiciliari da trascorrere in una clinica specializzata nelle cure le tossicodipendenze.

Secondo la ricostruzione dei pm Rosaria Stagnaro, titolare del fascicolo di indagine coordinato dal procuratore aggiunto Letizia Mannella, Genovese prima stordiva le proprie vittime con un mix di droghe e poi le violentava. Lo stesso "meccansimo" sarebbe stato attuato sia nel festino organizzato nell'ottobre scorso nel suo maxi attico di lusso con vista sulla Madonnina del Duomo ribatezzato "Terrazza Sentimento", dove una 18enne sarebbe stata drogata e violentata per ore, sia nel luglio precedente a Ibiza, dove l'imprenditore avrebbe abusato di una 23enne durante un party a "Villa Lolita". Per quest'ultimo caso di violenza è indagata anche l'ex fidanzata di Genovese: la donna, che sarebbe stata presente al momento della violenza, è stata interrogata nei giorni scorsi in procura.

Genovese, noto come il "mago delle start up" (fu lui a fondare Facile.it, azienda poi ceduta nel 2014) è anche indagato in un filone di indagine per reati fiscali e nei mesi scorsi gli furon sequestrati 4,3 milioni di euro. Prima di chiudere le indagini i pm avevano chiesto per lui il rito immediato (subito a processo saltando la fase di udienza preliminare) ma l'istanza fu bocciata dal gip. La richiesta di rinvio a giudizio è attesa nei prossimo giorni. Dopodichè Genovese, assistito dagli avvbocato Luigi Isolabella e Davide Ferrari, valuterà se chiedere il processo abbreviato o altri riti alternativi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli