Gentiloni a Corriere: per Italia autunno cruciale, crescita sia solida in prossimi anni

·1 minuto per la lettura
Il Commissario Ue agli Affari economici, Paolo Gentiloni.

ROMA (Reuters) - Per l'Italia si prospetta un autunno "cruciale" per agganciare una crescita che nei prossimi anni dovrà essere solida perché tornare ai livelli pre-pandemia non sarà sufficiente.

Lo ha detto in una intervista al Corriere il Commissario Ue agli Affari economici, Paolo Gentiloni.

"Come Paese abbiamo perso quasi il 9% nel 2020 e nel 2021 o 2022 potremmo tornare alla traiettoria di crescita che immaginavamo tre anni fa. Ma non è che quella traiettoria ci rendesse felici. Dunque la chiave di tutto è se la crescita sarà duratura e sostenibile: questa è la sfida che inizia quest’autunno...L’obiettivo è trasformare il tasso di crescita dei prossimi anni", ha detto Gentiloni.

"Manca un po’ a mio avviso – ma forse è una mia percezione – il senso di questa missione nazionale".

A domanda se la riduzione del cuneo fiscale si possa fare in deficit inserendolo nella delega fiscale, Gentiloni risponde: "Noi dobbiamo essere molto, molto prudenti nell’inserire aggravi di spesa permanenti. Se un Paese ad alto debito usasse l’occasione del piano di Recovery per avere un aggravio permanente nel bilancio, sarebbe un errore".

"Dopo la pandemia e con il traguardo della transizione climatica è giusto discutere il patto di stabilità per evitare ritorni all’austerità e studiare nuove regole che abbiano ragionevolezza, realismo e gradualità. Ma nei Paesi ad alto debito serve una cautela particolare", ha concluso Gentiloni.

(Francesca Piscioneri, in redazione a Milano Cristina Carlevaro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli