Gentiloni: Ue investirà 40 mld in più in Africa in prossimi 7 anni -5-

Red/Coa

Roma, 9 nov. (askanews) - A don Dante Carraro, direttore del Cuamm, sono state affidate le parole di conclusione: "L'Africa è una sfida che abbiamo imparato a conosce ed amare. Quello che abbiamo visto oggi è frutto di tutti noi, dei nostri medici sul campo e di tutti i volontari", ha precisato. "Siamo in Mozambico, sempre con l'Africa, uniti nella buona e nella cattiva sorte. Ci servono anche le risorse. Le emergenze non sono sempre a budget. Sapendo che il cuore, la passione, sono la spinta vera per fare le cose, per cambiare il modo di vivere, il sistema, portare a un cambiamento concreto". E ricordando Alberto Fanfani e Marta Danisi, don Dante Carraro ha concluso: "Alberto e Marta erano due giovani fiorentini, lui specializzando lei infermiera vicini al Cuamm, sognavano l'Africa. Il 14 agosto 2018, si sono trovati sul ponte Morandi. Mi piace pensare che anche loro due sono qui con noi a sognare, lottare, costruire per realizzare un mondo più giusto, più bello, più dignitoso per tutti".