#GeorgeFloyd, Londra intende rimuovere statue figure imperialiste

#GeorgeFloyd, Londra intende rimuovere statue figure imperialiste

Milano, 9 giu. (askanews) – Nel giorno in cui George Floyd viene sepolto nella sua città natale, Houston, nel Texas, il sindaco di Londra Sadiq Khan, noto per le sue posizioni a favore di Black Lives Matter, ha annunciato l’istituzione di una Commissione per la diversità che esaminerà le statue, i murales, l’arte di strada, i nomi delle strade e altri monumenti della capitale britannica e valuterà quali lasciti debbano essere celebrati e quali no.

Il tutto dopo che il monumento di Winston Churchill è stato deturpato con la scritta “Sono un razzista” proprio durante le manifestazioni di Black Lives Matter, che hanno visto anche l’abbattimento di una statua di Edward Colston, un mercante di schiavi del XVII secolo.

Sui social le posizioni di Khan hanno fatto infuriare la polemica. E non sono solo personaggi controversi come Katie Hopkins a pubblicare video e accusare Khan di non essere in grado di far rispettare l’ordine pubblico. Sulla questione è intervenuto anche il primo ministro Boris Johnson: l’ex sindaco di Londra ha riconosciuto che è una dura realtà che in Gran Bretagna ci siano discriminazioni, ha promesso che il suo governo si impegnerà a “sradicare i pregiudizi e creare opportunità”. Ma ha detto che coloro che hanno attaccato la polizia o profanato monumenti pubblici dovrebbero risponderne davanti alla legge.