Georgia, giovane operatrice sanitaria deceduta in seguito alla prima somministrazione di Astrazeneca

·1 minuto per la lettura
Astrazeneca
Astrazeneca

Megi Bakradze è la giovanissime infermiera (di soli 27 anni) morta dopo la somministrazione della prima dose di vaccino Astrazeneca. La vicenda è accaduta in Georgia. Crescono i timori legati a questo vaccino, per le eventuali conseguenze che potrebbero verificarsi in seguito alla somministrazione. La notizia della morte di Megi ha fatto il giro del mondo. In questo articolo cercheremo di fare chiarezza riferendo gli opportuni dettagli della vicenda.

Goergia, infermiera morta a 27 anni

Si chiamava Megi Bakradze, aveva 27 anni. La ragazza, di professione infermiera, è deceduta dopo la prima somministrazione del vaccino Astrazeneca. Secondo quanto informa l’agenzia stampa britannica Reuters, la giovane, abitante ad Akhaltsikhe, era stata vaccinata con la prima dose di Astrazeneca, Dopo solo mezz’ora, Megi avrebbe avuto uno shock anafilattico che l’ha ridotta in coma.

Nulla da fare per Megi

Megi Bakradze è stata immediatamente trasportata presso l’ospedale di Tbilisi tramite ambulanza, ma per lei non c’è stato nulla da fare. Nonostante la celerità dei medici, l’infermiera è morta poco prima di raggiungere il nosocomio della capitale georgiana. La notizia ha generato un immenso polverone, tanto da far sospendere la somministrazione del vaccino Astrazeneca nella regione dell’Agiaria, dove viveva la vittima. I genitori della ragazza hanno assicurato che ella non avesse patologie pregresse, ma godesse, anzi, di ottima salute.