Germania: ad agosto export -1,2% su problemi forniture

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Francoforte, 8 ott. – (Adnkronos/Dpa) – I problemi di approvvigionamento e la carenza di materie prime hanno spinto al ribasso le esportazioni tedesche che ad agosto sono diminuite su base mensile dell'1,2%. La Germania ha esportato merci per un valore di 104,4 miliardi di euro (120,6 miliardi di dollari) ad agosto, con un aumento del 14,4 per cento rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, che però era stato segnato dalla pandemia.Le importazioni sono aumentate del 18,1 per cento l'anno a 93,8 miliardi di euro. Rispetto al livello pre-pandemia di febbraio 2020, le esportazioni sono aumentate dello 0,5 per cento secondo i dati provvisori riportati dall'Ufficio federale di statistica (Destatis), che rilanciano l'allarme della Bdi, la Confindustria tedesca che ha previsto un autunno difficile.

"I problemi nelle catene di approvvigionamento globali, gli elevati costi logistici e i conflitti commerciali irrisolti gettano ombra sull'economia e di conseguenza stanno avendo effetti enormi sulle esportazioni", ha affermato il direttore della Bdi Joachim Lang.

Le imprese tedesche hanno accumulato forti ordinativi che però non vengono soddisfatti per la carenza di materiali che ostacola la produzione. Particolarmente colpiti sono stati i settori della meccanica e dell'automotive. Nei primi otto mesi, le esportazioni tedesche di merci sono aumentate del 15,9 per cento a 892,7 miliardi di euro, mentre le importazioni sono aumentate allo stesso ritmo a 767,6 miliardi di euro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli