In Germania il partito di Angela Merkel crolla nelle elezioni in due lander, vittoria a Verdi e Spd

·2 minuto per la lettura

Trionfo dei Verdi, netto calo della Cdu in Baden Wuerttemberg, secondo le prime proiezioni delle elezioni per il rinnovo del Landtag: il partito ambientalista esce dalle urne con il 31% dei voti, staccando la Cdu (il partito di Angela Merkel) ferma al 23, di ben 8 punti. Nel 2016 i cristiano-democratici avevano ottenuto il 27% dei consensi.

La Spd mette a segno il 12% dei voti (meno 0,7 rispetto a cinque anni fa), i liberali dell'Fdp toccano l'11,5% (una crescita di 3 punti e mezzo). L'Afd, il partito dell'ultradestra, ottiene l'11,5, contro il 15,1% del 2016.

Sono state circa 7,7 milioni le persone chiamate a votare per il rinnovo del Landtag. Sulla base di questi voti, il governatore Winfried Kretschmann dei Verdi vede spianata la via al proprio reincarico.

Il voto di oggi è considerato un importante banco di prova in vista delle elezioni federali del 26 settembre.

Decisa affermazione dei socialdemocratici e netta flessione della Cdu in Renania Palatinato. Stando ai primi dati diffusi dal canale pubblico Ard, la Spd della governatrice Malu Dreyer si attesta al 34,5% dei consensi, contro il 26% del partito di Angela Merkel, che segna un calo di quasi 6 punti rispetto alle elezioni del 2016.

I “Liberi elettori”, sempre stando alle proiezioni, hanno ottenuto il 5,5% dei voti entrando così per la prima volta nel Landtag. Il partito dell'ultradestra, l'Afd, non va oltre il 10,5% dei consensi contro il 12,6% di cinque anni fa. Inferiore alle aspettative il risultato dei Verdi, che mettono a segno l'8,5% (nel 2016 era stato il 5,3%, ma alcuni sondaggi avevano dato gli ambientalisti oltre il 10%), mentre i liberali dell'Fdp non vanno oltre il 6,5%.

In Renania Palatinato sono state 3,1 milioni le persone chiamate alle urne. Malu Dreyer, socialdemocratica, sulla base di questi risultati, potrebbe continuare a guidare il Land insieme ai Verdi e ai liberali dell'Fpd (la cosiddetta “coalizione semaforo”, dal colore dei rispettivi partiti.