Germania, fabbriche restano attive a maggio malgrado problemi approvvigionamenti - Pmi

·1 minuto per la lettura
Alba a Berlino

BERLINO (Reuters) - Una solida domanda ha mantenuto le fabbriche tedesche attive a maggio, sebbene le difficoltà negli approvvigionamenti e l'alto costo delle materie prime abbiano frenato il settore, secondo un sondaggio pubblicato oggi.

Il Purchasing Managers' Index (Pmi) finale di Ihs Markit per l'attività manifatturiera, che rappresenta circa un quinto dell'economia tedesca, ha raggiunto quota 64,4 rimanendo al di sotto del record di 66,6 segnato a marzo, ma in crescita rispetto al dato provvisorio di 64,0. L'indice aveva toccato quota 66,2 ad aprile.

Le fabbriche della più grande economia europea sono rimaste attive durante la pandemia, non venendo disturbate quasi per nulla dai lockdown che hanno colpito il settore dei servizi. L'attività ha accelerato a inizio anno sulla solida domanda in arrivo dagli Usa e dalla Cina.

Ma le difficoltà nelle forniture e i costi crescenti rimangono una minaccia crescente, secondo gli autori del sondaggio.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli