Germania interrompe sussidi per lavoratori non vaccinati in quarantena

·1 minuto per la lettura
Alcune persone in fila in attesa di ricevere il vaccino anticovid presso il centro vaccinale Arena Treptow di Berlino

BERLINO (Reuters) - La Germania non offrirà più indennizzi per i lavoratori non vaccinati costretti alla quarantena dalle misure contro il coronavirus, poiché è ingiusto chiedere ai contribuenti di mantenere chi rifiuta il vaccino.

Lo ha detto il ministro della Sanità tedesco, Jens Spahn.

Le norme, che saranno applicate dai governi dei 16 stati federali tedeschi, entreranno in vigore massimo entro l'11 ottobre, secondo quanto comunicato da Spahn, confermando i dettagli di una bozza vista in precedenza da Reuters.

La misura riguarderà le persone risultate positive al virus e coloro che torneranno da paesi considerati "ad alto rischio" per il contagio da Covid-19, che ora includono la Gran Bretagna, la Turchia e alcune parti della Francia.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Roma Francesca Piscioneri, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli