Germania, lasciò morire di sete bimba yazida: sposa Isis condannata

·1 minuto per la lettura

Una donna tedesca è stata condannata a dieci anni di carcere come 'sposa dell'Isis' e per aver lasciato morire di sete una bambina della minoranza yazida in Iraq. La donna, ora tornata in Germania e identificata solo come Jennifer W., è stata riconosciuta colpevole dal tribunale di Monaco di appartenenza a gruppo terroristico all'estero, aiuto e complicità in tentativo di omicidio, tentato crimine di guerra e crimini contro l'umanità.

La trentenne, originaria della Bassa Sassonia, era partita per l'Iraq dopo aver aderito allo Stato Islamico. Secondo la procura federale non è intervenuta quando il marito jihadista ha incatenato una bambina yazida in un cortile in Iraq, lasciandola morire di sete. L'accusa aveva chiesto l'ergastolo, mentre la difesa aveva sostenuto una pena massima di due anni per appartenenza allo Stato Islamico.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli