Germania, polizia ferma bambino di 8 anni: guidava a 140 km all’ora

bambino otto anni

Guidava l’auto sottratta ai genitori a 140 chilometri all’ora in autostrada e nessuno si era accorto che aveva solo 8 anni. I poliziotti di Soest, città tedesca nella Renania, lo hanno fermato all’una di notte e hanno iniziato a inseguirlo. Alla fine il bambino, spaventato, ha deciso di fermarsi e ha parcheggiato l’auto in una piazzola di sosta.

Le giustificazioni del bambino

La polizia di Soest, nella Renania Settentrionale-Vestfalia in Germania, ha reso nota la vicenda insolita sulla sua pagina Facebook. La notte del 20 agosto un bambino di otto anni era alla guida di un’auto con cambio automatico. Ad un certo punto aveva perfino raggiunto i 140 chilometri orari su un’autostrada. Secondo la BBC, si trattava di quella che porta a Dortmund. Quando è stato avvistato dagli agenti, che hanno iniziato a inseguirlo cercando di impedirgli di procedere, nel panico il piccolo ha deciso di fermarsi. Lui stesso è riuscito a parcheggiare l’auto in una piazzola di sosta e non ha causato danni. Prima di posizionare la vettura, il piccolo ha avuto anche la premura di accendere i lampeggianti e piazzare il triangolo dietro all’auto, una Golf. Secondo quanto è stato raccontato dalla madre a BBC, il bambino aveva già guidato automobili su spazi privati e aveva esperienza anche con auto a scontro e go-kart. Secondo quanto riferisce la pagina Facebook, il bambino si è messo a piangere quando ha visto i poliziotti e si è giustificato così: “Volevo solo guidare un po’”. I genitori hanno confermato che si trattasse della loro auto, sottratta senza il loro consenso.