Germania, preoccupazione per bilancio record vittime Covid-19

di Andreas Rinke e Kirsti Knolle
·2 minuto per la lettura
Panoramica di un centro di vaccinazioni a Berlino

di Andreas Rinke e Kirsti Knolle

BERLINO (Reuters) - La Germania ha riportato oggi un nuovo record di morti per coronavirus, mentre si moltiplicano gli appelli perchè venga imposto un lockdown ancora più severo, dopo che il paese l'anno scorso è uscito relativamente poco segnato dalla pandemia.

Anche se in Germania il bilancio complessivo pro capite delle vittime dall'inizio della pandemia è ancora molto inferiore agli Stati Uniti, i livelli di mortalità pro capite giornaliera da metà dicembre hanno spesso superato quelli visti negli Usa.

Il bilancio giornaliero delle vittime in Germania equivale a circa 15 morti ogni milione di persone, rispetto ai 13 morti ogni milione di persone negli Stati Uniti.

Secondo l'Istituto Robert Koch (Rki) nelle ultime 24 ore ci sono state 25.164 nuove infezioni da coronavirus e 1.244 morti, portando il bilancio complessivo tedesco delle vittime dall'inizio della pandemia a 43.881 morti.

Inizialmente, la Germania ha gestito la pandemia meglio degli altri paesi europei, imponendo in primavera un severo lockdown, ma ha visto un forte incremento di contagi e morti negli ultimi mesi e il Rki ha affermato che i cittadini tedeschi non stanno prendendo seriamente il virus.

Lothar Wieler, presidente di Rki, ha detto oggi che le restrizioni non sono state implementate con la stessa coerenza vista durante la prima ondata e ha detto che più persone dovrebbero lavorare da casa, aggiungendo che l'attuale lockdown dovrà essere ulteriormente irrigidito.

La Germania ha introdotto a novembre un lockdown parziale, che ha tenuto i negozi e le scuole aperte, per poi applicare regole più severe a metà dicembre, chiudendo le attività non essenziali e i bambini non sono più tornati in aula dall'inizio delle vacanze di Natale.

Gli ospedali in 10 Lander tedeschi su 16 sono al massimo delle loro capacità, con l'85% dei posti letto in terapia intensiva occupati da pazienti ricoverati a causa del coronavirus, ha detto Wieler.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Milano Maria Pia Quaglia)