Germania promette dimostrazione unità contro Russia in riunione ministri Esteri G7

WEISSENHAUS, GERMANIA (Reuters) - I ministri degli Esteri del G7 intendono dare quello che la Germania ha definito un "forte segnale di unità" quando si incontreranno oggi per discutere della guerra in Ucraina, dei timori che il conflitto possa estendersi alla Moldavia e delle preoccupazioni per la sicurezza alimentare.

L'incontro annuale, che durerà fino a domani, riunisce gli alti diplomatici di Gran Bretagna, Canada, Germania, Francia, Italia, Giappone, Stati Uniti e Unione europea in un castello che ha 400 anni di storia e si trova nella località di Weissenhaus, sul Baltico.

I ministri degli Esteri sfideranno i tentativi da parte di Mosca di dividere il mondo sull'Ucraina, ha dichiarato il ministro degli Esteri tedesco, Annalena Baerbock, in vista dell'incontro.

"Mai, dalla fine della Guerra Fredda, noi partner del G7 siamo stati messi in discussione in modo tanto profondo. Mai prima d'ora siamo stati tanto uniti", ha scritto in un tweet.

In testa all'ordine del giorno c'è la guerra in Ucraina, dopo le promesse dei leader del G7 dello scorso fine settimana di rafforzare l'isolamento globale della Russia, anche con l'impegno a vietare o eliminare gradualmente l'acquisto di petrolio russo.

Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha dichiarato che è fondamentale mantenere alta la pressione sul presidente russo Vladimir Putin fornendo più armi all'Ucraina e imponendo ulteriori sanzioni.

Parteciperanno anche i ministri degli Esteri di Ucraina e Moldavia.

Questo fine settimana la Germania ospiterà in un incontro separato i ministri della Nato, mentre Finlandia e Svezia si preparano a richiedere l'adesione all'alleanza transatlantica, con conseguenti minacce di ritorsioni da parte Mosca.

(Tradotto da Michela Piersimoni, editing Xxx)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli