Germania, ragazzo di 20 anni ucciso: aveva chiesto a un acquirente di mettere la mascherina

·2 minuto per la lettura
omicidio
omicidio

In Germania, un ragazzo di 20 anni è stato ucciso da un uomo di 49 anni che gli ha sparato un colpo di pistola alla testa. La drammatica vicenda si è verificata all’interno del negozio di un distributore di carburante, presso il quale la giovane vittima lavorava. Sulla base delle informazioni sinora trapelate, è stato riferito che l’aggressione è scaturita dalla richiesta rivolta all’uomo dal 20enne di indossare la mascherina anti-Covid.

Germania, chiede a un cliente di indossare la mascherina: morto per un colpo di pistola alla testa

Nella tarda serata di sabato 18 settembre, un ragazzo di 20 anni è prematuramente scomparso dopo essere stato assassinato da un uomo di 49 anni.

Secondo quanto riferito dai media locali, l’uomo avrebbe sparato al giovane mirando alla testa nel momento in cui quest’ultimo lo avrebbe invitato a indossare la mascherina, strumento di protezione individuale fondamentale per contrastare la diffusione del coronavirus.

Il dramma si è consumato all’interno di un negozio annesso a un distributore di carburante, presso il quale lavorava la vittima, situato a Idar-Oberstein, nel Land della Renania-Palatinato, in Germania.

Dopo aver brutalmente assassinato il ragazzo, il 49enne è stato intercettato dalle forze dell’ordine e posto in stato di fermo.

Germania, chiede a un cliente di indossare la mascherina e viene ucciso: dinamica dei fatti

In considerazione di una prima ricostruzione effettuata dalla Procura, dopo essere stato invitato a indossare la mascherina anti-Covid, l’uomo si sarebbe allontanato dal negozio e avrebbe raggiunto la propria abitazione per prendere l’arma. A questo punto, avrebbe fatto ritorno alla stazione di benzina e, nuovamente sollecitato dal 20enne a indossare la mascherina, avrebbe sparato contro il commesso, colpendolo alla testa.

In un primo momento, quindi, l’omicida avrebbe lasciato il negozio dopo la richiesta dell’impiegato, rivoltagli nel momento in cui il cliente si era recato alla cassa per pagare una confezione di birre, sprovvisto di ogni tipologia di strumento di protezione individuale.

Poco dopo, tuttavia, il 49enne avrebbe fatto ritorno al punto vendita, presumibilmente con naso e bocca coperti, e avrebbe ucciso il ragazzo dopo essersi avvicinato alla cassa e avergli rivolto alcune parole. A questo punto, l’uomo ha sparato un colpo d’arma da fuoco alla testa dell’impiegato, per poi fuggire a piedi.

Germania, chiede a un cliente di indossare la mascherina e viene ucciso: l’arresto

Il 49enne, infine, è stato arrestato a circa 24 ore dal delitto, ammettendo di aver commesso l’omicidio e avrebbe cercato di giustificare il gesto compiuto asserendo di soffrire di un forte stato di stress provocato dalla situazione vissuta a causa della pandemia.

L’uomo avrebbe riferito agli inquirenti di dover “dare un segnale” e dimostrare la sua determinazione a respingere ogni genere di misura anti-Covid. L’assassino, tuttavia, inizialmente aveva anche riferito di aver dimenticato la mascherina, necessaria per entrare all’interno del negozio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli