Germania, respinti passeggeri con test pcr solo in italiano

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 20 apr. (askanews) - La pandemia ha portato con sé anche numerosi disagi per chiunque debba viaggiare in aereo. Pochissimi voli che il più delle volte vengono cancellati e norme cambiano continuamente e il più delle volte regna abbastanza confusione riguardo alla documentazione da presentare.

Uno dei requisiti per poter entrare in Germania con un volo aereo, come ricorda il sito di Berlino Magazine, è la presentazione di un test Covid negativo. Ma sono giunte numerose segnalazioni per cui alcuni nostri connazionali, residenti da anni a Berlino, si sono visti rifiutare l'imbarco perchè il test presentato era redatto in italiano.

Carla è una nostra connazionale che, da anni, risiede e lavora a Berlino. È la proprietaria de Il Kino, un cinema con annesso bar nel quartiere di Neükolln. È lei che ci racconta di come, insieme a decine di altri passeggeri, si sia vista rifiutare l'accesso all'aereo.

"Domenica 11 aprile, insieme ai miei due figli di 7 anni, dovevo partire dall'aeroporto di Catania per ritornare a Berlino. Il volo era operato dalla compagnia Eurowings e doveva fare scalo a Stoccarda. Prima del volo, come richiesto dalla compagnia aerea, avevamo effettuato i tamponi che erano risultati, ovviamente, negativi" ci spiega Carla.

"Siamo andati in aeroporto con i risultati dei test scritto in italiano. Una volta arrivati al gate per le operazioni di imbarco, una delle dipendenti (italiane) dell'aeroporto ci ha negato l'accesso, nonostante fosse chiaro che il test era negativo. Insieme a me, altre 20 passeggeri - che a Berlino dovevano tornare, come me, per lavoro - sono stati lasciati a terra".

Alle, giuste, lamentele dei passeggeri a cui era stato rifiutato l'imbarco, Carla ci racconta che la dipendente dell'aeroporto ha semplicemente risposto "se la prenda con il suo Governo che ha imposto queste regole, io eseguo solo gli ordini".

Un fatto da sottolineare è che la compagnia Lufthansa, che controlla Eurowings, accetta i test negativi anche redatti in italiano. "Da Catania c'è un solo volo a settimana che opera verso Berlino" continua Carla "quindi con i miei due figli sono dovuta andare a Roma - dove ho una casa - per poter riuscire a partire.

Sono riuscita a trovare un volo Ryanair tre giorni dopo e, ovviamente, abbiamo dovuto rifare il tampone, spendendo in tutto circa 600 euro. A differenza di Eurowings, gli addetti di Ryanair controllavano solo se il risultato del test era negativo, senza sindacare sulla lingua in cui era scritto". Una volta sbarcata a Berlino, Carla ci racconta che anche le autorità tedesche controllavano i risultati dei test. Anche in questo caso veniva controllato esclusivamente il risultato dei tamponi e non la lingua in cui erano scritti.