Germania, ultimi sondaggi danno leader bavarese Csu Soeder avanti in corsa cancelleria

·2 minuto per la lettura
Il premier dello Stato bavarese e leader dell'Unione sociale cristiana bavarese (CSU) Markus Soeder a Berlino

BERLINO (Reuters) - Il bavarese Markus Soeder ha ricevuto una spinta nella corsa per diventare il candidato alla cancelleria del blocco conservatore per le elezioni di settembre da un sondaggio che mostra la sua maggiore popolarità rispetto allo sfidante Armin Laschet.

Con Angela Merkel, leader del partito democristiano Cdu, pronta a lasciare dopo le elezioni, la pressione sale affinché lo schieramento scelga un candidato in un quadro in cui i sondaggi mostrano che la popolarità del partito è vicina ai minimi di un anno.

Il governo fatica a contenere la pandemia di Covid-19 mentre il Paese è colpito da una variante più altamente trasmissibile.

La corsa tra Laschet, presidente della Cdu, e Soeder, che guida la Csu, partito fratello della Cdu in Baviera, si è trasformata in uno scontro caotico nonostante entrambi i candidati abbiano promesso domenica di giungere a una decisione rapida e amichevole.

Da un sondaggio di ARD Deutschlandtrend è emerso che il 44% degli elettori in Germania e il 72% dei sostenitori di Cdu/Csu ritengono che Soeder sia un candidato più adeguato per la cancelleria.

Al contrario solo il 15% dei tedeschi e il 17% dei sostenitori del partito conservatore ritiene che Laschet, che guida lo Stato del Nord Reno-Westfalia, sia un candidato migliore, come indica un sondaggio dell'istituto Infratest Dimap.

Soeder, sempre più popolare tra gli elettori per spavalderia, sicurezza e schiettezza, ha tentato di rendere la sua popolarità un fattore decisivo nella corsa alla cancelleria.

Dorothee Baer, numero due della Csu, ha mantenuto alta la tensione affermando ai microfoni dell'emittente radiofonica Deutschlandfunk che il blocco dovrebbe nominare la persona che ha le maggiori possibilità di vincere.

"Almeno nell'unione direi che è quello con il maggior sostegno", ha detto Baer.

Ma Jens Spahn, alleato di Laschet e ministro della Salute del Paese, ha detto che il presidente del partito è la scelta più naturale. "Lo abbiamo eletto come presidente a gennaio. E tutti quelli che lo hanno votato sapevano che stavano anche nominando il candidato della Cdu al ruolo di cancelliere", ha detto Spahn a Deutschlandfunk.

Il ministro della Salute ha aggiunto che la questione della candidatura va risolta questa settimana con, idealmente, un accordo tra Laschet e Soeder.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)