Gerry Scotti e le letterine: “Ho resistito a tutto”

Gerry Scotti

Gerry Scotti è senz’ombra di dubbio uno dei personaggi televisivi più apprezzati e proprio per questo motivo sono davvero tanti i fan curiosi di sapere tutto quanto il possibile sulla vita del noto conduttore. In un’intervista rilasciata a Corriere.it, Gerry Scotti ha quindi parlato della sua vita lavorativa e professionale, rivelando anche qualche aneddoto particolare.

Gerry Scotti e le letterine di Passaparola

Gerry Scotti ha appena compiuto 63 anni e nel corso della sua vita è riuscito a farsi apprezzare dal grande pubblico per via della sua simpatia, allegria e soprattutto grande professionalità. Oltre al Gerry Scotti conduttore, però, vi è anche la versione di uomo avventuroso, che ama il mare ed è pronto ad andare in moto. Ne è un esempio il viaggio sulla Route 66 con la sua Harley-Davidson, mentre “L’esperienza più avventurosa l’ho vissuta nell’88: con l’irruenza di un trentenne, non sapendo andare in barca a vela, l’ho guidata fino all’isola di Porquerolle. Ed è un miracolo se sono ancora vivo. Ma da allora più che mai il mare mi ha conquistato“.

In passato, inoltre, ha anche condotto Passaparola e proprio in merito a questo programma ha svelato un aneddoto molto interessante. Alla domanda se in un mondo, come quello dello spettacolo, dove è sempre stato circondato da belle ragazze abbia mai avuto cedimenti, il conduttore ha infatti risposto: “Sono fortunato: la mia sessualità e carnalità hanno resistito a tutto. Se non sono finito in galera con le letterine sono stato bravo. Non so se dipende dalla mia rettitudine morale o se sono percepito come uomo tutto d’un pezzo. In 35 anni, nessuna ragazza ha fatto la lasciva con me. E comunque ho sempre voluto al mio fianco compagne di lavoro già realizzate che non avevano bisogno di me“.