Gerusalemme in fiamme, sulla Spianata delle Moschee oltre 300 feriti in due giorni

·Giornalista, HuffPost
·2 minuto per la lettura
Palestinian protesters hurl stones at Israeli security forces amid clashes in Jerusalem's Old City  (Photo: EMMANUEL DUNAND via Getty Images)
Palestinian protesters hurl stones at Israeli security forces amid clashes in Jerusalem's Old City (Photo: EMMANUEL DUNAND via Getty Images)

Gerusalemme è in fiamme e l’incendio rischia di divampare sempre di più nelle prossime ore. L’allarme – riporta il quotidiano israeliano Haaretz – arriva dagli stessi ufficiali della sicurezza di Israele, che hanno avvertito il governo del premier Benjamin Netanyahu di una possibile escalation della violenza lunedì, giornata in cui si sarebbero dovuti incrociare due appuntamenti molto attesi da israeliani e palestinesi. Da un lato, la Giornata internazionale di Gerusalemme, anniversario della conquista della città nel 1967 da parte delle truppe israeliane, tradizionalmente omaggiato con la Marcia della bandiera e altri eventi; dall’altro, l’arrivo della sentenza di un tribunale israeliano sulla possibilità che le autorità possano sfrattare decine di palestinesi dal quartiere di Sheikh Jarrah e dare le loro case a coloni ebrei. Nel pomeriggio di domenica la Corte Suprema di Israele ha deciso di rinviare la sua seduta di domani dove avrebbe dovuto decidere sugli sfratti, uno dei motivi degli scontri che negli ultimi giorni hanno infuocato la Città Santa: lo riportano i media locali, secondo cui la richiesta di rinvio è stata fatta dal procuratore generale di Stato Avichai Mandelblit. L’ufficio del procuratore, a quanto si apprende, ha chiesto alla Corte altre due settimane per esaminare la questione.

La tensione è altissima dopo gli scontri che si sono succeduti per due notti di fila, i più violenti degli ultimi anni. In tutto si parla di circa oltre 300 feriti. L’irruzione delle forze israeliane venerdì nella Spianata delle Moschee ha aumentato una tensione che montava da settimane a Gerusalemme Est, e che nella notte di sabato è divenuta di nuovo palpabile nelle vicinanze della Città Vecchia. Ci sono state proteste anche nelle città arabe nel nord di Israele. Violenti scontri sono stati segnalati anche vicino all...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli