Gerusalemme, respinto il ricorso del Patriarcato sugli immobili

Ska

Roma, 26 giu. (askanews) - La Corte distrettuale di Gerusalemme ha respinto in maniera definitiva l'istanza presentata dal Patriarcato greco ortodosso di Gerusalemme che chiedeva di annullare la vendita di tre propriet immobiliari patriarcali all'organizzazione di coloni ebrei Ateret Cohanim. Il pronunciamento del tribunale israeliano avvenuto mercoled 24 giugno, e, commenta Fides, agenzia della congregazione vaticana per la evangelizzazione dei popoli (Propaganda fide) sembra chiudere definitivamente la battaglia legale sui beni immobili contesi, protrattasi per quasi 16 anni.

Due dei tre edifici in questione, l'Hotel "Petra" e l'Hotel "Imperial", si trovano nei pressi della Porta di Giaffa, considerata l'entrata pi diretta per accedere al quartiere cristiano della Citt Vecchia di Gerusalemme.

La vendita era avvenuta nel 2004, e la notizia della cessione aveva provocato proteste e malumori in seno alla comunit cristiana greco ortodossa, culminati con la deposizione del Patriarca Ireneo I da parte del Santo Sinodo con l'accusa di alienazione indebita di immobili del Patriarcato.

(Segue)