Gesti di grande solidarietà

·1 minuto per la lettura
Incendio Milano
Incendio Milano

Agli inquilini di via Antonini a Milano è arrivata anche la solidarietà dei superstiti della Grenfell Tower di Londra, inghiottita dalle fiamme nel 2017, con un bilancio di 72 vittime.

Incendio a Milano: la solidarietà dei superstiti della Grenfell Tower

Agli inquilini della Torre dei Moro di Milano è arrivata la solidarietà dei familiari delle vittime della tragedia della Grenfell Tower di Londra. Alcuni rappresentanti degli abitanti del grattacielo londinese, che nel 2017 è stato distrutto dalle fiamme, con un bilancio di 72 vittime, si sono recati in via Antonini per far sentire la loro vicinanza. Kimi, una delle rappresentanti dell’associazione che raggruppa i parenti delle vittime londinesi, ha spiegato di essere molto dispiaciuta per il fatto che sia successa una tragedia simile a quella di Londra. “Il fuoco non discrimina nessuno, ma fortunatamente qui non ci sono state vittime perché i Vigili del Fuoco hanno fatto evacuare gli abitanti del palazzo” ha spiegato.

Incendio a Milano: i parenti delle vittime della Grenfell Tower

Il governo e la comunità milanese continui a mostrare solidarietà e supporto agli inquilini di questo palazzo, perché pur non avendo perso parenti, hanno subito un terribile trauma psicologico. Le autorità si adoperino per al più presto una nuova sistemazione abitativa a queste persone, magari aiutandole a sistemare questo palazzo” ha spiegato Ahmed, che nella tragedia di Londra ha perso sei familiari. “Noi siamo stati più fortunati rispetto ai familiari di Grenfell perché l’incendio è avvenuto nel mese di agosto e di pomeriggio, quando tanta gente era fuori, altrimenti anche noi avremmo contato delle vittime. Abbiamo avviato un discorso con il Comune di Milano per trovare una sistemazione ed ora siamo in un residence qui di fronte, ma vogliamo rientrare nelle nostre case” ha dichiarato Mirko Berti, portavoce degli inquilini dellla Torre dei Moro.

Incendio a Milano: un documento con le esigenze degli sfollati

Presenti anche Pierfrancesco Maran, assessore comunale all’Urbanistica, e Alan Rizzi, sottosegretario di Regione Lombardia. I rappresentanti degli sfollati hanno consegnato un documento per presentare le loro esigenze e la visione del futuro del palazzo. “Noi vogliamo rientrare nella nostra torre, che sia sicura, funzionale, green, tecnologicamente all’avanguardia e che queste cose non possano più accadere” ha aggiunto il portavoce degli inquilini di via Antonini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli