Gestore palestra Scampia: "Gomorra crei figura alternativa, così si alimenta criminalità"

·2 minuto per la lettura

"Se il produttore non vuole far interrompere quella trasmissione, perché prima o poi ci riusciamo, dovrebbe creare un antagonista di Gomorra. I ragazzi devono capire anche quelli che sono gli esempi buoni e questa è la cosa che secondo me dovrebbe fare una istituzione cinematografica, offrire una immagine alternativa, un esempio virtuoso". Gianni Maddaloni, maestro di Judo che a Scampia gestisce una palestra che toglie tanti ragazzi dalla strada, commenta così all'Adnkronos la ripresa della popolare serie televisiva.

"Un'altra fiction dannosa è 'Mare Fuori': io a Nisida (l'istituto di pena minorile, ndr) ci sono stato per anni perché avevo quattro ragazzi da mettere fuori da lì, ci sono riuscito con due che sono andati a lavorare e ho fallito con gli altri due, tornati nella criminalità. Nisida non è quella, non è i ragazzi che prendono a calci l'ispettore. C'è un direttore, Gianluca Guida, che dà regole e valori ai ragazzi e li forma - incalza Maddaloni - A Scampia la gente ringrazia per l'esempio di mio figlio Pino, il campione olimpico che esce dalla vela marrone, dove ha abitato, e ha vinto le Olimpiadi, quattro coppe del mondo e 13 titoli in Italia. Ma non basta, noi stiamo perdendo terreno per colpa di queste generalizzazioni"..

"Gomorra non fa altro che rovinare decine e decine di ragazzi che non hanno genitori, che non hanno una cultura di periferia, che si possono perdere facilmente vedendo esempi sbagliati. Non avendo chi li fa ragionare, vedono quindi in questo esempio il modello vincente. La criminalità così si alimenta. Io adesso mi trovo a una finale di campionati juniores italiani con quattro ragazzi e una ragazza di Scampia. Cinque giovani, tutti di Scampia - continua il maestro di Judo - che fanno sacrifici per emergere e dare un esempio giusto. Saviano ha rotto, sono arrabbiatissimo e intristito".

(di Silvia Mancinelli)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli