GF, Marina La Rosa: “Non accettavo le avances di Pietro Taricone”

marina la rosa

Marina La Rosa, l’ex “gatta morta” della prima edizione del Grande Fratello (così come l’avevano soprannominata) è tornata a parlare dell’esperienza nel reality. “Ho partecipato più che altro per fuggire dalla mia vita universitaria. Cercavo una via d’uscita, ho partecipato convinta che nessuno mi avrebbe mai preso” ha spiegato. Dopo 20 anni, Marina ricorda ancora di aver rifiutato le avances di Pietro Taricone, il compagno di avventure nel programma. Insieme a loro nella casa c’era anche Cristina Plevani, che si sarebbe aggiudicata la vittoria: lei era già innamorata di Pietro. Tra un ricordo e una risata, Marina è passata ora a L’Isola dei Famosi.

Grande Fratello, Marina La Rosa

In un’intervista per “I Lunatici” ai microfoni di Radio2, Marina La Rosa ha voluto ricordare il tempo trascorso nella casa del Grande Fratello. “Tutte le donne d’Italia in quel momento vedevano Cristina Plevani – ha raccontato – che poi vinse l’edizione, che era completamente innamorata di Pietro. E pensavano a me come elemento disturbante. Ma io ero corteggiata da Pietro, non accettavo nessuna avance, proprio perché c’era una donna innamorata di lui e quindi sarebbe stato un comportamento scorretto nei confronti di un’altra donna”.

Purtroppo, Pietro sarebbe poi sparito dopo un incidente con il paracadute: “Era un personaggio meraviglioso – ha proseguito Marina -. Lo era veramente e la conferma è che quando se ne andò piansero tutti, anche persone che mai lo avevano conosciuto. Era una persona semplice, riusciva a parlare con chiunque. Era anche colto, fissato con la filosofia. Una persona fantastica. È andata così, purtroppo”.

marina la rosa

L’intervista

Nel corso dell’intervista nel programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, Marina ha rivelato: “Sono il sogno erotico di tante persone, che evidentemente non stanno bene. Io non ho un grandissimo rapporto con i social, ma mi scrivono in tantissimi”. L’ex “gatta morta” ha poi narrato alcune richieste divertenti giunte dai social: “Ci sono persone che vorrebbero venire a pulirmi casa. Poi c’è chi vuole assolutamente acquistare le mie scarpe usate e per farlo pagherebbe qualunque cifra. Ho fatto un trasloco due anni fa, avevo una busta enorme di scarpe e non sapevo cosa farci. Allora le ho vendute. I negozietti vintage non le volevano, così un paio le ho vendute ad un feticista. Era felice. Mi ha pagato, la cifra che mi ha dato non mi ha cambiato la vita, ma almeno ho fatto felice una persona”.

“Ancora più interessante è il money slave. Uno ha provato talmente tante volte a chiedere il mio iban che dopo qualche anno gliel’ho dato. Ha insistito tre anni, pregandomi tutti i giorni. Alla fine, anche per farlo felice, gli ho dato l’iban. E mi ha mandato dei soldi. Poi c’è chi mi manda foto delle sue parti intime. In situazioni anche imbarazzanti”.