Giachetti: "Salvini digiuna? Una presa in giro, ha preso 25 chili..."

webinfo@adnkronos.com

"Non sto digiunando, io digiuno per cose serie. E' un'evidente presa in giro". Roberto Giachetti, convocato a Un giorno da pecora in quanto 're dei digiuni', si esprime così sull'iniziativa lanciata da Matteo Salvini, impegnato in una giornata di digiuno di protesta in relazione al caso Gregoretti. Salvini "parlare di digiuno mentre sta in mezzo alle forme di parmigiano, alla porchetta, ai wurstel... Ci vuole una tempra speciale. Dice che ha preso 2 chiletti? Ne avrà presi 25, sta sempre in campagna elettorale. Ci vuole comunque coraggio per annunciare un digiuno mentre si sta in mezzo a tutto quel cibo", dice Giachetti. 

"Quando ci sarà una seduta legittima voteremo come abbiamo detto che avremmo votato. Da quando si trova alle prese con situazioni di questo tipo, lui cambia idea ogni 5 minuti. In giunta non abbiamo votato perché abbiamo ritenuto sbagliata la decisione della giunta. Ci è stato impedito di fare un approfondimento".