Giacobbe (PD), interrogazione su rientro ricercatori all’estero

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 20 apr. (askanews) - Il Senatore Francesco Giacobbe dopo varie segnalazioni da parte dei ricercatori italiani all'estero ha presentato una interrogazione al Ministro dell'Università e della Ricerca. Il tema degli studiosi e ricercatori all'estero e del loro rientro è l'oggetto dell'interrogazione.

"Attualmente, un numero crescente di studiosi italiani all'estero con la speranza di tornare in Italia partecipano non solo a concorsi da Professore Associato, ma anche a concorsi da Ricercatore a Tempo Determinato di Tipo B (RTD-B)" - scrive il Senatore nella sua interrogazione -, "se uno studioso con più di tre anni di esperienza come Professore Associato presso una Università all'estero vincesse un concorso per Ricercatore a Tempo Determinato di Tipo B (RTD-B) in Italia, deve comunque ottenere l'Abilitazione Scientifica Nazionale (ASN) in quel Settore Concorsuale al fine della trasformazione del suo contratto in posizione da Professore Associato, pur essendolo stato all'estero" - continua Francesco Giacobbe - .

"La norma in vigore appare discriminatoria per gli studiosi stabilmente impegnati all'estero che vorrebbero rientrare in Italia, ed è per questo che ho chiesto al Ministro quali azioni intenda mettere in campo in merito a tale situazione" - ha chiuso il Senatore -.