Roma, due donne e una trans trovate morte nel quartiere Prati: caccia al killer

Roma, due donne e una trans trovate morte nel quartiere Prati: caccia al killer (Foto LaPresse)
Roma, due donne e una trans trovate morte nel quartiere Prati: caccia al killer (Foto LaPresse)

Nel quartiere Prati di Roma è stato compiuto un triplice omicidio. Due donne cinesi e una trans sono state ritrovate senza vita. Le vittime, uccise a 500 metri di distanza, sono state accoltellate. Si teme ci sia un unico killer. In entrambi i casi si ipotizza che l'assassino si sia servito di un’arma da taglio a lama lunga, ma per il momento non sono state rilasciate conferme. Si indaga nel mondo della prostituzione.

VIDEO - Omicidio Alice Scagni, la madre diffonde l’audio shock del fratello e denuncia il mancato intervento delle forze dell’ordine

Il macabro ritrovamento è avvenuto nella mattinata di giovedì 17 novembre, quando in via Riboty e in via Durazzo, non lontano da piazzale Clodio, sono state trovate morte due donne cinesi e una trans. Le indagini sono in corso per verificare eventuali legami tra gli omicidi. Le vittime sarebbero tre prostitute.

I tabulati telefonici delle vittime sono già al vaglio degli inquirenti, nella speranza di intercettare informazioni utili a comprendere la loro rete di conoscenze. Fondamentali per le indagini anche le immagini riprese da alcune telecamere. Secondo la sorella della donna colombiana trovata uccisa in via Durazzo, la 65enne Marta Castano, all'interno del suo appartamento era presente una telecamera che potrebbe aver ripreso l'omicidio. Inoltre, stando a quanto riferito da una donna che frequenta lo stabile di via Riboty, anche nell'appartamento in cui lavoravano le due donne asiatiche c'era una telecamera, posizionata sopra la porta d'ingresso. Le due donne cinesi pare lavorassero solo su appuntamento: all'interno dei loro telefoni quindi, potrebbero esserci tracce dell'assassino.

E' stato il custode di un condominio nel quartiere Prati il primo a lanciare l'allarme, dopo aver trovato il corpo di una donna sul pianerottolo del secondo piano. Immediato l'intervento di polizia e 118: dopo aver aperto la porta dell’abitazione, gli investigatori hanno trovato il cadavere di un’altra donna, anche lei di nazionalità cinese. La loro identità, tuttavia, non è ancora nota. La donna trovata morta sul pianerottolo avrebbe circa 40 anni ed era nuda. Probabilmente ha cercato difendersi e fuggire. Più giovane, invece, la ragazza nell'appartamento. Resta da capire anche per quale motivo fossero a Roma e se tra le due ci sono legami di parentela.

La polizia scientifica sta eseguendo accertamenti anche nell’androne del palazzo, situato proprio di fronte alla cittadella giudiziaria di piazzale Clodio. Tra i condomini presenti, nessuno avrebbe udito grida nella mattinata. Saranno sentiti sia il portiere dello stabile sia alcuni inquilini, compresi quelli che vivono nel piano dove le due donne sono state trovate senza vita. Nelle prossime ore gli inquirenti prenderanno in esame anche le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza presenti in zona per capire chi sia entrato e uscito dalla palazzina. Perizie in corso anche all'interno dell'appartamento, alla ricerca di eventuali tracce lasciate da uno o più killer.

"Abbiamo sentito solo arrivare le macchine della polizia, in pochi minuti ne sono arrivate tante. Questa è una zona tranquilla, a pochi metri dal tribunale: è davvero preoccupante quanto avvenuto", dichiara un commerciante del posto.

LEGGI ANCHE: Violentato dal prete per 9 anni, la denuncia di un 21enne a Siracusa

Un altro allarme è arrivato un'ora più tardi, da via Durazzo, alle spalle della sede Rai di via Teulada. Una transessuale sudamericana di circa 50 anni è stata trovata senza vita in un appartamento. Ad allertare la polizia è stata una conoscente della vittima, che aprendo la porta ha scoperto quanto successo. Secondo gli accertamenti della polizia, il corpo era riverso nel letto e presentava una profonda ferita d’arma da taglio al petto. Rilievi in corso sia all'interno sia all'esterno dell'appartamento.

LEGGI ANCHE: Pietro Maso, 31 anni fa l'omicidio dei genitori: "Vorrei dire loro vi voglio bene"