Giallo a Lavinio, resti umani trovati nel bosco

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Uno scenario da thriller sul litorale romano: resti di ossa umane sono stati infatti ritrovati in un bosco a Lavinio, vicino ad Anzio, all'interno di due sacchi neri dell'immondizia. A fare la macabra scoperta è stato un cercatore di funghi, quasi inciampato nel teschio che ha chiamato il 112. Sono intervenuti i carabinieri di Anzio che hanno trovato i sacchi parzialmente sotterrati e all'interno vi erano resti umani, ridotti quasi a scheletro ormai: in uno il busto e le braccia dello scheletrocoperto dalla parte superiore di una tuta della Roma, nell'altro le gambe.

Ancora non è chiaro se si tratti di un'uomo o di una donna e a quando risalgano i resti. Sul posto è giunto anche il medico legale ed ad un prima esame sembra una persona adulta, deceduta alcuni anni fa. La salma è stata trasportata all'obitorio di Tor Vergata e tra 20 giorni si conosceranno gli esiti. Intanto i carabinieri hanno avviato le indagini per accertare l'identità della salma, cercando anche tra le denunce di persone scomparse negli ultimi anni.