Giallo morte Alessio, ritrovato il pc del giovane morto a Parigi

·3 minuto per la lettura
morte alessio vinci
morte alessio vinci

Giallo della morte di Alessio Vinci, trovati nuovi indizi. Sul caso del giovane “genio della matematica” scomparso alla fine dello scorso gennaio a Parigi emergono delle novità: ritrovato un pc e alcuni messaggi lasciati dal 18enne prima del fatale gesto. Il “Corriere della Sera” riporta i dettagli.

Ritrovato il pc di Alessio

Era stato ritrovato senza vita il giovane Alessio Vinci alla fine dello scorso gennaio a Parigi, sotto una gru alta 50 metri a Porte Maillot. Una morte senza spiegazioni, ma classificata dalla polizia francese come suicidio. A distanza di un anno, sono stati ritrovati un pc e alcuni messaggi che potrebbero far luce sul giallo che ruota attorno la morte del giovane “genio della matematica”, appena 18enne e studente d’Ingegneria Aerospaziale. Sarebbe stato ritrovato a casa del nonno Enzo – dove Alessio viveva dalla morte della madre -, il portatile, chiuso nell’armadio della stanza dove viveva. Il “Corriere della Sera” riporta: “Due strani codici, un nome di donna, Greta. Rimangono molti interrogativi”. Quello più grande, ovvero cosa possa aver spinto un brillante studente appassionato d’Ingegneria, descritto dagli amici sereno e felice, che decide di andare in una città a lui sconosciuta per lanciarsi da una gru. Nella ricostruzione eseguita, emerge che nella stanza d’albergo riservata da Alessio per una notte – al costo di 461 euro e prenotata ben 11 giorni prima – gli investigatori avrebbero ritrovato una lettera d’addio scritta a mano in francese recitante: “Non vi dirò perché ho fatto quello che ho fatto…”, con un altro foglio accanto con un codice: “E.T.P. je sais CAM 381ASLCM”, scritto al contrario ed in seguito fotografato con la webcam del Pc e inserito come sfondo dello schermo. Una sigla alfanumerica – S11900018 – impressa su un cartoncino, due scatole vuote di Coumadin e una Malboro nella cassaforte, le sigarette che fumava. Le stesse lettere – ETP – sarebbero state trovate sotto la sua scrivania di Torino, insieme al nuovo portatile in casa del nonno Enzo. Spiega l’avvocato Marco Noto – che ha consegnato il materiale ai Carabinieri-: “È il computer che ha usato almeno fino a fine dicembre, quando gli hanno regalato quello che poi è stato trovato a Parigi. Lì potrebbe esserci la chiave del mistero”.

Le chiamate e gli ultimi messaggi

Stefania Stefanìa, il pm di Roma, avrebbe chiesto di poter visionare il Pc dopo le analisi eseguite dai consulenti informatici su quest’ultimo, il cellulare e un altro portatile. Tra le chiamate e i messaggi dell’ultimo giorno, sarebbero state trovate quelle fatte al nonno e all’amico Matteo prima della terribile tragedia. “Mi aveva chiesto se conoscevo qualcuno a Parigi ma non avevo capito che era lì”, aveva dichiarato Enzo tempo fa. Nella chiamata a Matteo effettuata alle 21.33 e durata una ventina di minuti, Alessio parla di una certa Greta Harrison, precisando che si scrive con la “i”. Chiamata dove l’amico chiede se può trovare la ragazza su Facebook: “No, non cercarla che non la trovi”, la risposta secca del 18enne. Neanche il compagno sapeva che Alessio si trovasse nella capitale francese. Nel mentre che gli inquirenti continuano a cercare indizi, l’autopsia eseguita al tempo sul corpo del giovane riferiva di lesioni compatibili con una caduta dall’alto. L’ultimo segnale di vita di Alessio è un messaggio inviato alle ore 4.16 ad un’amica di famiglia, Simona: “I nonni sono stati i migliori genitori che avessi potuto avere”.