Gianfranco Librandi alla Guardia di finanza: "Leghisti di merda, siete morti"

HuffPost
Gianfranco Librandi

″’Sono un onorevole, un intoccabile, siete morti, leghista di merdà. Queste le accuse e le minacce del deputato renziano Gianfranco Librandi rivolte ai militari della Guardia di Finanza, durante una normale verifica fiscale presso le sedi della sua società Tci Telecomunicazioni avvenuta il 24 luglio 2019″. È quanto si legge in un’anticipazione dell’Espresso, secondo cui si tratta di “frasi trascritte in alcune relazioni di servizio dei finanzieri”, che il settimanale ha letto e di cui scrive su Espresso+ e nel numero in edicola da domenica, raccontando “la reazione durissima del deputato di Italia Viva davanti ai militari che dovevano iniziare una normale ispezione fiscale nella sua impresa elettronica da oltre 200 milioni di fatturato l’anno”.

“Secondo i finanzieri - scrive L’Espresso - Librandi avrebbe sostenuto che lui è un deputato e un imprenditore che ‘lavora, non come voi che non fate un cazzo dalla mattina alla sera. Pago le tasse e quindi anche il vostro stipendio’. Poi ha insultato chi comandava l’operazione: ‘Sarà un leghista di merda’. E, dopo essersi definito un ‘intoccabile’, l’ex Pd ha annunciato che uno dei militari non avrebbe più percepito la pensione. Salutando i finanzieri che facevano il loro lavoro con un definitivo: ‘Siete morti’”. Il settimanale ricorda che “Librandi è finito agli onori delle prime pagine dei giornali solo qualche settimana fa.

Quando l’Espresso ha scoperto che il parlamentare è il più munifico tra i tanti finanziatori della fondazione Open, l’ente renziano su cui sta indagando la procura di Firenze. Una segnalazione sospetta di Bankitalia sui conti correnti di Open segnala infatti come Librandi tra febbraio 2017 e giugno 2018 abbia donato ben 800 mila euro all’organismo un tempo guidato da Alberto Bianchi. Ricchi bonifici emessi attraverso la Tci, proprio l’azienda al centro della verifica fiscale che risulta ancora in corso”. Il deputato-imprenditore e la...

Continua a leggere su HuffPost