Giani: per “Invest in Tuscany” sono dieci anni di sucesso

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Firenze, 25 gen. (askanews) - "Sono 10 anni di successo". Così il presidente della Toscana, Eugenio Giani, sull'esperienza portata avanti da Invest in Tuscany, i cui numeri, storie, curiosità e protagonisti sono stati raccolti in un ebook interattivo dal titolo "Invest in Tuscany, Invest in Values", da oggi disponibile in doppia lingua (italiano e inglese) sul sito www.investintuscany.com.

Il progetto multimediale coordinato da Fondazione Sistema Toscana arriva nel decimo anno di attività dell'ufficio Invest in Tuscany, nato nel 2010 sotto l'egida del presidente della Regione con lo scopo di attrarre gli investimenti stranieri sul territorio, ascoltare le esigenze di investitori e potenziali tali, coordinare i percorsi amministrativi, creare contatti con partner locali, quali Pmi, atenei, spin-off universitari, enti pubblici, e offrire un servizio di "aftercare", un'attività continuativa con le multinazionali che si sono già insediate in Toscana, per mantenere ed espandere gli investimenti esistenti.

"Negli ultimi cinque anni - dichiara il presidente della Regione Eugenio Giani - in Toscana sono state registrate oltre 100 operazioni di investimento diretto estero, per più di 7.500 posti di lavoro generati. Il capitale investito ha superato i 2,8 miliardi di euro. Al di là del Covid, questi numeri dimostrano come la nostra regione continui ad essere attrattiva: perché investire in Toscana significa investire in valori comuni, che stanno alla base della nostra cultura". In termini di valore assoluto la Toscana si colloca sul podio in Italia, preceduta solo dalla Lombardia. Delle 101 operazioni registrate tra il 2016 e il 2020 il retail rappresenta quasi un terzo del totale (28%), seguito da hotellerie (16%) e manifatturiero (15%). La Francia è di gran lunga la nazione di origine degli investimenti con oltre il 30% delle operazioni, seguita dagli Stati Uniti d'America (18%) e dal Regno Unito (12%).