Gianluca Fasolin era sceso verso la spiaggia con un dipendente a controllare i danni del maltempo

Un'immagine dello stabilimento Stella Maris con le palme una delle quali ha provocato la tragedia
Un'immagine dello stabilimento Stella Maris con le palme una delle quali ha provocato la tragedia

Tragedia mattutina a Sottomarina di Chioggia, dove il titolare di uno stabilimento balneare muore colpito da una palma. I media territoriali spiegano che il 52enne Gianluca Fasolin era sceso verso la spiaggia con un dipendente a controllare i danni del maltempo che si è abbattuto durante la giornata di sabato in particolare sul Nord Italia e in Veneto. L’uomo sarebbe stato centrato ad un certo punto da una palma mentre era impegnato nella manutenzione e apertura dello stabilimento di cui era titolare, il rinomato Stella Maris.

Titolare di uno stabilimento muore colpito da una palma

Pare che Gianluca Fasolin si fosse dato appuntamento con un dipendente per le prime ore del mattino di oggi, 29 maggio. Lo scopo era sistemare proprio una delle piante in dotazione estetica allo stabilimento che era stata danneggiata dal forte vento di bora di sabato 28 maggio e della notte. A un certo punto, per ragioni che sono al vaglio delle forze dell’ordine, la palma ha ceduto, forse già indebolita dal vento delle ore precedenti, e gli è caduta addosso, uccidendolo.

Soccorsi immediati ma purtroppo inutili

I soccorsi sono stati immediati ma purtroppo inutili. Il primo a intervenire secondo quanto riportano i media è stato lo stesso primario del pronto soccorso di Chioggia. Sul posto è atterrato anche l’elicottero da Treviso che però è stato mestamente rispedito alla base perché il medico intervenuto ha riscontrato la morte dell’uomo. Sul luogo della tragedia gli agenti del commissariato locale di polizia per i rilievi e per il verbale da girare al magistrato di turno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli