Gianluca Vacchi, l'ex colf gli fa causa: "Costretta a ballare a tempo"

Gianluca Vacchi colf causa
Gianluca Vacchi colf causa

Mentre Gianluca Vacchi si sta godendo il successo del suo documentario Mucho Mas, un’ex colf gli ha fatto causa. La donna, una signora filippina di 44 anni, ha lavorato per lui per ben 3 anni e ha raccontato aneddoti che cozzano con la perfezione che l’imprenditore mostra sui social.

Gianluca Vacchi: ex colf gli fa causa

Stando a quanto sostiene Repubblica, un’ex colf di Gianluca Vacchi è stata a dir poco sfruttata dall’imprenditore, motivo per cui l’ha trascinato in tribunale. La donna, una filippina di 44 anni, ha lavorato al suo servizio per ben 3 anni, dal 2017 al 2020. Aveva firmato un contratto che prevedeva turni quotidiani da 6 ore, per sei giorni la settimana, con un giorno libero. Gli orari, però, non sono mai stati rispettati, tanto che la signora ha raccontato di aver lavorato anche per 20 ore di seguito e di non aver usufruito del giorno di riposo. Non solo, pare che Vacchi pretendesse diverse cose dal suo personale, balletti su TikTok compresi. Quando Gianluca ha chiesto alla colf la firma di una strana clausola, l’ex colf ha deciso di fargli causa.

L’ex colf d Vacchi vuota il sacco

Stando a quanto sostiene l’ex colf di Vacchi, i balletti su TikTok erano compresi nel contratto. Se i dipendenti non andavano “a tempo di musica” e le coreografie non “venivano eseguite perfettamente“, si “scatenava la rabbia di Vacchi“. Gianluca “inveiva contro i domestici, lanciando il cellulare e spaccando la lampada usata per le riprese“. Insomma, un vero e proprio clima di terrore. La Repubblica sostiene che ci sarebbero anche dei messaggi vocali a testimonianza dei comportamenti dell’imprenditore:

“Vacchi aveva teorizzato la possibilità di multarli con 100 euro da detrarre dalla busta paga. Una volta per aver dimenticato di preparare gli occhiali da sole del manager, non facendoglieli trovare già pronti in macchina. Un’altra, come si sente nei messaggi vocali in possesso di Repubblica, per aver spostato le punture di testosterone dal loro solito posto”.

Il motivo per cui l’ex colf è andata via da casa Vacchi

L’ex colf ha deciso di andare via da casa Vacchi quando l’imprenditore le ha chiesto di firmare un contratto di riservatezza. Il documento vietava di divulgare informazioni a terzi, pena la detrazione di 50mila euro dal Tfr. La signora ha così deciso di trascinarlo in tribunale, chiedendogli gli straordinari e il Tfr non pagato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli