Gianna Nannini:"Sono stata dipendente dalla cocaina. Me la consegnavano tranquillamente, come un panino"

HuffPost

“Tranne l’eroina, le ho provate tutte. Dalla cocaina, per un po’ di tempo, quasi quarant’anni fa, sono stata dipendente. Ero a Londra e ce la portavano in studio con la stessa semplicità con cui oggi ti consegnerebbero un panino”. In un’intervista rilasciata a Vanity Fair in vista dell’uscita del suo ventesimo disco, Gianna Nannini ha parlato per la prima volta del suo passato di dipendenze dalle droghe e di come, alla fine, abbia deciso di smettere.

“Non stavo mai senza cocaina, ci viaggiavo, ero del tutto incosciente. Un giorno vado in bagno e mentre scarto il sasso rosa, quello mi cade nel cesso. Lo vedo sparire nell’acqua e, mentre si scioglie lentamente e sto per metterci le mani dentro, mi dico: ‘Non posso fare questa cosa, non posso ridurmi così’. Ho smesso lì. Il giorno dopo. Poi ho avuto una ricaduta, ma dopo aver fatto un tiro e aver bevuto una tequila prima di un concerto, collassai e dissi definitivamente basta”.

VIDEO -  Il capitombolo di Nannini sul palco a Genova 

 

Personalità carismatica, la sua irruenza è stata spesso bollata come “pazzia”. Un’interpretazione sulla quale lei tiene a fare delle precisazioni. 

“Tutti mi dicono che so’ pazza, ma credo semplicemente che quando uno è sé stesso sembra matto. La follia è un’altra cosa. Io l’ho sperimentata e ho sperimentato anche la schizofrenia. So cosa sono. Mi è capitato di morire e poi rinascere. All’inizio degli anni ’80 sono stata molto male. Ero piena di paranoie, vivevo una crisi profonda, avevo un io diviso, uno stato mentale alterato e paura di ogni cosa, come una bambina”.

Nannini racconta al vicedirettore di Vanity Fair anche aspetti intimi della sua vita, in particolare, la difficile fase dell’adolescenza:

“Da ragazza non mi piacevo ed evitavo di guardarmi allo specchio. Mi vedevo brutta. Il naso lungo, le tette che di diventare grandi non volevano proprio saperne, lo sviluppo che tardava ad arrivare e un canone estetico che non...

Continua a leggere su HuffPost