Giannuzzi (Forte Village): "Stagione oltre aspettative, premiata scelta sicurezza"

·3 minuto per la lettura

Nella stagione turistica 2021, quella dei vaccini e del green pass, della zona bianca in bilico con quella gialla, dei contagi in aumento e delle mascherine anche all’aperto in molte zone della regione, la Sardegna riprende fiato. E tra le strutture che navigano a vele spiegate c’è il Forte Village Resort, guidato dal 2013 da Lorenzo Giannuzzi. Classe 1950, calabrese di nascita, decenni di esperienze internazionali in alcuni degli alberghi più prestigiosi del mondo, approda in Sardegna, al Forte di Santa Margherita di Pula (Cagliari) nel 1995 come direttore generale, nel 2007 diventa azionista e membro del Cda del gruppo Mita Resort, sei anni dopo amministratore delegato e direttore generale della Esmeralda srl,che nel frattempo ha acquisito la proprietà del Forte Village. Nel 2019 la nuova avventura, con il controllo del Grand Hotel Palazzo della Fonte di Fiuggi, aperto a giugno e già riferimento per chi vuole una vacanza all’insegna del benessere, della salute, della prevenzione.

"Possiamo dire che questa è una stagione che sta dando risultati superiori alle nostre aspettative - spiega Giannuzzi all’Adnkronos -, come tutti eravamo molto in apprensione, soprattutto perché i mercati di riferimento del Forte Village, quello inglese e quello russo, sono stati condizionati dal Covid. Quello inglese con due quarantene imposte dai Governi: da quello italiano in ingresso e da quello britannico per il rientro. In Russia, poi, non sono stati concessi visti turistici, ma abbiamo avuto comunque molti clienti russi che risiedono in altri Paesi europei. C’è stata, in generale, una domanda straordinaria sia a livello nazionale che da altri Paesi d’Europa e questo ha fatto sì che avessimo una stagione che ci ha dato delle buone soddisfazioni".

"Ci siamo proposti sul mercato - sottolinea il manager - come un albergo sicuro e questo è stato molto importante: abbiamo vaccinato tutto il personale ed essendo una struttura con grandi con spazi all'aperto, i clienti si sono sentiti in assoluta sicurezza".

Misure di prevenzione e controlli partiti già lo scorso anno, quando ancora non erano obbligatori: "Il Forte Village è stato il primo albergo al mondo, già dall’anno scorso, ad avere una équipe medica sul posto, a fare test obbligatori a tutti quelli che arrivavano e il molecolare a chi era in dubbio. La scorsa stagione abbiamo registrato un solo caso".

Un sistema di controlli che "è stato molto apprezzato - assicura Giannuzzi -, abbiamo giocato di anticipo, con norme di buon senso, e forti della fiducia della clientela. Possiamo dire che quest’anno abbiamo beneficiato delle misure precauzionali dell’anno scorso, consolidando il rapporto con i nostri ospiti".

Non solo Sardegna, da giugno per Giannuzzi è iniziata l’avventura del Palazzo Fiuggi, che mette insieme ospitalità, benessere psicofisico, cucina salutistica, terapie e trattamenti. Quale spazio vuole avere nel panorama nazionale? "E’ certamente un prodotto avveniristico, tra le strutture specializzate nella prevenzione, nel benessere, nelle vacanze salutistiche, con una parte medica e una parte olistica. Con una cucina preparata da uno dei migliori Chef al mondo, più l’acqua, più l’aria, più i trattamenti, otteniamo un effetto straordinario sull’equilibrio psicofisico della gente: i nostri clienti investono in prevenzione".

"Finora la risposta è stata estremamente positiva, nonostante le difficoltà su mercati importanti come quello del Medio Oriente e della Russia. Come Paese, abbiamo perso la leadership del settore, negli ultimi anni, dopo il filone dei santuari italiani della salute, ma il nostro Palazzo Fiuggi non teme la concorrenza di nessun’altra struttura del mondo. Puntiamo sul benessere - rivendica Giannuzzi -, non curiamo malati ma persone sane che credono nella prevenzione".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli