## Giappone, Abe illustra agli antenati il suo programma politico -3-

Mos

Roma, 13 ago. (askanews) - Quest'ultimo è stato una personalità più rilevanti del Giappone nel XX secolo. Responsabile economico del Manchukuo, lo stato fantoccio fondato in Manciuria dal Giappone imperialista e poi ministro in diversi governi di guerra, fu imprigionato come criminale di guerra, ma si salvò da una condanna formale, che per altre personalità dell'epoca vollero dire la forca o il suicidio. Nel dopoguerra fu recuperato alla vita politica e fu primo ministro liberaldemocratico del Giappone nella seconda metà degli anni '50.

Uno dei principali obiettivi dell'azione politica di Kishi nel dopoguerra fu proprio la revisione della Costituzione della pace, che vedeva come un ostacolo alla possibilità del Giappone di avere un ruolo nella politica estera. Un obiettivo che, nella sua vita non riuscì a realizzare.

Il genero (e padre dell'attuale premier) Shintaro Abe raccolse il testimone e sarebbe certamente diventato a sua volta primo ministro: se non fosse stato tradito nel 1987 dalle correnti interne al partito e, in un a seconda candidatura, se non fosse incappato nello scandalo Recruit-Cosmos, una vicenda di insider trading che nel 1989 sconvolse il mondo politico giapponese.(Segue)