Giappone, accordo fra case auto per sviluppo sistemi connettività

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 27 apr. (askanews) - I sistemi di comunicazione devono essere standardizzati per fornire servizi connessi efficienti e sicuri. E' partendo da questa visione che Suzuki, Subaru, Daihatsu, Toyota e Mazda hanno raggiunto un accordo per lo sviluppo congiunto di specifiche tecniche dei sistemi di comunicazione dei veicoli di nuova generazione e per promuovere uno standard di servizi legati alla connettività.

Nell'era di profonda trasformazione del settore automotive determinata dai fattori CASE (Connettività, Automatizzazione, Condivisione ed Elettrificazione), si stanno compiendo rapidi progressi nell'ambito della connettività, in relazione agli aspetti di comunicazione e gestione dei dati, inclusi servizi cloud, IoT, big data e intelligenza artificiale. I singoli produttori di automobili stanno sviluppando in maniera autonoma dispositivi di connettività per i veicoli e, anche nei casi in cui hanno le stesse funzionalità (per esempio il controllo da remoto), ogni azienda sta seguendo un approccio diverso.

Grazie a questo progetto congiunto, le aziende che ne sono parte saranno in grado di fornire servizi connessi più sicuri e efficienti, sviluppando più velocemente insieme dispositivi di comunicazione dei veicoli - la base dei sistemi di connettività delle vetture - concentrandosi invece internamente sullo sviluppo di applicazioni e servizi su questa piattaforma comune.

Attualmente, Suzuki, Subaru, Daihatsu e Mazda, integrano le rispettive tecnologie su quelle sviluppate da Toyota. Grazie a questo progetto costruiranno insieme sistemi per le auto connesse di nuova generazione con specifiche comuni di connessione tra veicoli e reti per ad esempio aumentare la velocità della connessione. Allo stesso tempo, sarà possibile ridurre i costi di sviluppo, semplificare il funzionamento del sistema e gli aggiornamenti con nuove funzioni, ottimizzando le risorse in termini di strutture e personale. Suzuki, Subaru, Daihatsu, Toyota e Mazda prenderanno in considerazione la collaborazione con altri partner per lo sviluppo del progetto.