Giappone approva utilizzo vaccino Pfizer

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 12 feb. (askanews) - La commissione del Ministero della Sanità giapponese incaricata di valutare l'efficacia dei vaccini ha dato il suo via libera all'utilizzo del vaccino Pfizer. Lo riferisce oggi l'agenzia di stampa Kyodo.

Tokyo prevede di iniziare mercoledì la vaccinazione degli operatori sanitari, circa 20mila medici e 200mila infermieri. Un primo stock di 400mila dosi è arrivato stamani all'Aeroporto internazionale di Narita con un volo cargo. Si tratta di dosi prodotte in Belgio.

Il Giappone è in notevole ritardo rispetto a diversi paesi economicamente sviluppati con l'inizio della vaccinazione. Sconta una serie di problemi burocratici e anche un certo diffuso scetticismo sui vaccini, in un paese che per il resto ha affrontato finora in maniera piuttosto efficace la pandemia.

Il piano vaccinale disposto dal governo di Yoshihide Suga prevede che, dopo la vaccinazione degli operatori sanitari più direttamente a contatto con lo sforzo anti-Covid, toccherà agli altri 3,7 milioni circa di operatori del settore a partire da metà marzo. Da aprile, al più presto, si inizierannno le inoculazioni degli over-65. Poi toccherà a coloro che lavorano nelle case di riposo e con persone con condizioni di salute pregresse che li mettano a rischio e, infine, a tutto il resto della popolazione.

Oltre che col vaccino Pfizer, per vaccinare l'intera popolazione (126 milioni), il Giappone ha accordi con AstraZeneca e Moderna.