Giappone, in carcere parlamentare corrotto da società cinese casinò

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 7 set. (askanews) - Un parlamentare giapponese è stato condannato oggi a quattro anni di prigione per aver preso mazzette per 7,6 milioni di yen (58mila euro) da un gestore di casinò cinese nell'ambito del progetto del govenro di Yoshihide Suga d'introdurre anche in Giappone le case da gioco.

Tsukasa Akimoto, membro del Partito liberaldemocratico al governo, è stato ritenuto colpevole dalla Corte distrettuale di Tokyo di aver preso tra settembre 2017 e febbraio 2018 mazzette da un operatore di casinò cinese desideroso di entrare nel potenzialmente remunerativo mercato del gioco d'azzardo nipponico.

Akimoto inoltre è stato condannato per aver tentato di spingere due ex consulenti della compagnia cinese 500.com a fornire falsa testimonianza al tribunale.

"Le dichiarazioni di coloro che hanno ammesso di aver pagato in contanti sono pienamente credibili e sostenute da prove obiettive", ha detto il giudice Toshihiko Niwa, mentre Akimoto ha continuato a proclamarsi innocente. Inoltre il giudice ha definito un'"ostruzione della giustizia senza precedenti" il tentativo di corrompere testimoni,

Akimoto, dal canto suo, ha dichiarato non solo la sua innocenza, ma anche di voler presentarsi comunque in autunno alle eleioni per la Camera dei rappresentanti, anche se non potrà farlo nel Partito liberaldmeocatico perché ne è uscito dopo l'arresto a dicembre 2019.

Il caso si colloca nel progetto promosso da Suga già quando era capo di gabinetto dell'allora primo ministro Shinzo Abe e sostenuto ulteriormente una volta diventato premier. Questo piano prevede di selezionare tre città giapponesi in cui collocare resort di lusso con casinò, approfittando del fatto che nel 2018 la Dieta nipponica ha legalizzato il gioco d'azzardo.

Ma questo progetto ha subito un pesante rovescio lo scorso mese, quando nella città di Yokohama - una delle principali città candidate - ha vinto le elezioni a sindaco Takeharu Yamanaka, che è stato eletto anche in base a una piattaforma anti-casinò.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli