Giappone considera estensione stato d'emergenza, aumentano dubbi su Olimpiadi

·1 minuto per la lettura
Il premier giapponese Yoshihide Suga a Tokyo

TOKYO (Reuters) - Il Giappone sta valutando l'estensione dello stato d'emergenza a causa del coronavirus nella capitale Tokyo e in altre grandi aree urbane, una manovra che potrebbe compromettere i Giochi Olimpici estivi.

Con il paese alle prese con un picco di contagi da Covid-19, si sta prendendo in considerazione di estendere oltre l'11 maggio le misure nelle prefetture di Tokyo, Osaka, Kyoto e Hyogo, secondo quanto riferito a Reuters da tre fonti.

Il governo potrebbe prendere una decisione ufficiale già venerdì, ha detto una delle fonti. La notizia di una probabile estensione dello stato di emergenza era stata anticipata dal quotidiano Yomiuri.

L'estensione delle misure imposte il 25 aprile alimenterebbe i costanti timori per il regolare svolgimento delle Olimpiadi di Tokyo, il cui inizio è previsto il 23 luglio.

I Giochi Olimpici sono già stati posticipati una volta l'anno scorso, a causa della pandemia. La città di Sapporo, sull'isola settentrionale di Hokkaido, ha organizzato oggi una mezza maratona di prova.

Il premier giapponese Yoshihide Suga incontrerà oggi ministri del governo per discutere l'estensione, secondo quanto ha scritto Yomiuri senza citare fonti e senza specificare quanto potrebbe essere lunga l'estensione.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Milano Sabina Suzzi)